Ma in fondo, delle note, chissenefrega

Dal 1985 la Banda degli Ottoni a Scoppio continua ininterrottamente a presidiare ogni piazza sul suolo di Milano. Accanto ad antifascisti e lavoratori, da trentacinque anni imbraccia gli strumenti per dare voce agli ultimi e agli indifesi.
Ma perché una banda? Perché pratica democrazia, anarchia, comunità, umanità nuova.
Trentacinque anni, trentacinque capitoli, più un preludio e una coda aperta al futuro. Un capitolo, un aspetto della banda; ogni sezione, poche pagine: filosofia d’accatto, storia romanzata, memorie.
Parole, foto, articoli, liriche, disegnini, figurine, link a video, partiture, testi di canzoni, musiche d’accompagnamento degli attimi raccontati.

“Ma in fondo, delle note, chissenefrega”, raccontati dai bandi(s)ti stessi, orchestrati da Guido bomba Tassinari, fotografati da Danilo kiver Borrelli e illustrati da Gabriele ilfisa Orlando, è l’esilarante e accorato memoir di una banda che non ha mai smesso di resistere.

Linee Meltemi Editore
http://www.meltemieditore.it/…/fondo-delle-note-chissenefr…/

Rispondi